Le produzioni professionali dell’Associazione Culturale Speakeasy sono a cura della compagnia about:blank

LA COMPAGNIA

about:blank è una compagnia teatrale che nasce nel 2013 a cavallo fra Pordenone e Milano sull’onda dello spettacolo Rooms 2.0 (menzione Giovani Realtà del Teatro 2013, finalista Direction Under 30 2014) e raccoglie come nucleo base un gruppo eterogeneo di professionisti delle varie discipline del teatro: Lisa Moras (regista, autrice e attrice) Alberto Biasutti (fonico, sound designer e producer) Stefano Zullo (scenografo) a cui si aggiungono di volta in volta diversi altri professionisti dello spettacolo.

La compagnia si costituisce con l’intento di creare spettacoli fortemente legati al contemporaneo che mettano in dialogo la forma con la sostanza, elevando l’una al livello dell’altra in un sintonia costante fra la drammaturgia, l’attore, la scena, il sound, la programmazione, la regia. Il fine è quello di coniugare i mezzi tecnologici, artigianali e umani raccontando di una coesistenza possibile in cui solo l’equilibrio fra le parti può generare poesia, allegoria del contemporaneo che vorremmo.

Nel 2015 la compagnia vince il Premio Nazionale Giovani Realtà del Teatro con Porn Up Comedy, spettacolo dissacrante e ironico sul tema del sesso e l’incomunicabilità e nel 2016 lo porta in produzione. Nello stesso anno avvia la collaborazione col Centro Benedetta D’Intino Onlus per produrre Senza Parlare, spettacolo che porta in scena il tema delle difficoltà comunicative.

LISA MORAS

Attrice – regista – drammaturga

Si forma a Milano presso la scuola di Teatro Arsenale e Scuola Internazionale di Teatro Associate, consegue nel 2010 una masterclass al Piccolo Teatro di Milano; successivamente nel 2011 vince a Udine una borsa di studio presso la Civica Accademia di Arte Drammatica Nico Pepe. Dal 2006 al 2011 ha collaborato con Firenza Guidi (direttrice del progetto internazionale No Fit State Circus e del progetto Elan Frantoio a Fuceccio) in qualità di attrice e performer in diverse produzioni. Si forma anche con Serena Singiaglia, Flavio Abanese, Gabriele Di Luca, Marise Flash, Michele Abbondanza, Jurij Ferrini e altri. Nel 2007 fonda la Compagnia dei Cardini, della quale è regista, drammaturga e attrice, lavora con la compagnia fino al suo scioglimento nel 2011. I testi scritti in quel periodo vengono tradotti e rappresentati anche in Ungheria e Spagna. Dal 2009 gira le piazze d’Italia con lo spettacolo “Coppia aperta quasi spalancata” di cui è anche regista, assieme all’amico e collega Michele Vargiu. Lo spettacolo ottiene un grande successo sia di pubblico che di critica. Dal 2011 rientra a Pordenone dove tiene corsi di teatro e fonda i progetti Speakeasy (Pordenone) e about:blank (Milano). Nel 2013 è nominata a Udine per il suo spettacolo Rooms 2.0 che andrà in scena al Teatro Verdi di Pordenone a febbraio 2016. Nel 2015, stessa sede, è miglior monologo a Udine con Porn Up Comedy. Lavora come attrice per il Teatro Stabile del Veneto.

ALBERTO BIASUTTI

Multimedia designer

nasce a Pordenone nel 1981. Fin da giovanissimo rimane affascinato dalle possibilità evocative del suono combinato alle arti visive e performative. Dal 2003 inizia un’intensa attività musicale che lo porta a produrre album LP e spettacoli live (collaborando con nomi del calibro di Amaury Cambuzat e Theo Teardo) come anche sonorizzazioni live di film (“Il gabinetto del dottor Caligari” e “Il Pirata Nero” per Cinemazero), mostre, performance. Parallelamente prosegue la carriera di fonico live e in studio e tecnico di teatro e broadcast, che lo porta a partecipare a produzioni di caratura nazionale (“La Talpa 3” e “30 ore per la vita” per Mediaset)

Dal 2011 si dedica al sound design come unione di musica e tecnica, realizzando spot pubblicitari (Valcucine, Novamobili), e cortometraggi (“Il mantello di carta”, presentato al Festival del Cinema di Venezia nel 2015, “Incipit” di Tayio Yamanouchi, in uscita nel 2017). Nel 2014 si diploma al Sound Design Bachelor presso il Sae Institute di Milano, continuando poi la propria ricerca nel campo della musica e del suono, e nel loro intrecciarsi con tecnica, tecnologia e lighting design, partecipando a produzioni teatrali indipendenti occupandosi del design del suono come delle luci, e seguendone gli allestimenti come direttore di scena e tecnico

STEFANO ZULLO

Scenografo

varesotto classe 1988, esordisce come artista visivo; presto si trasferisce a Milano per studiare scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera. Inizia collaborazioni professionali con l’Azienda di attrezzeria scenica E. Rancati S.r.l. e le Scuole Civiche di Milano, Scuola di Cinema e Televisione. Nel 2010 incontra la compagnia A.T.I.R. diretta da Serena Sinigaglia, di cui è socio onorario e con cui inizia un sodalizio. E’ fra i fondatori del laboratorio Voli di Cartone Allestimenti. Progetto multidisciplinare che vede protagonisti scenografi, costumisti, attrezzisti, falegnami e light designer che collaborano alla progettazione e realizzazione di scene, costumi, elementi di arredo. Tra i clienti vi sono diversi teatri stabili italiani, centri di cinematografia, società televisive, associazioni, fondazioni e privati. Nel 2013 fonda assieme a Lisa Moras e ad Alberto Biautti il collettivo artistico about:blank . Come scenografo di teatro ha firmato spettacoli con la regia di Serena Sinigaglia, Marcela Serli, Manuel Renga, Lisa Moras, Compagnia Nina’s Drag Queens, progetto con la supervisione artistica di Francesco Micheli, Carolina De La Calle Casanova, Omar Nedjari, compagnia Alma Rosé, Teatro Presente, i Papu. Ha lavorato come assistente alla scenografia in prosa ed in lirica per allestimenti firmati da Maria Spazzi e da Maria Paola Di Francesco. Ad oggi si occupa prevalentemente di progettazione per il teatro, ha sede operativa in uno studio in viale Giovanni Da Cermenate a Milano.